Klett Incontro pratico


Lingua:Italiano Luogo:Monaco di Baviera Regione:i Durata:Data unica Data:sabato 20 gennaio 2018 Orario:10:00 Organizzatore:Ernst Klett Sprachen GmbH Relatori/relatrici:Antonella Ferraris, Marilisa Birello
Descrizione

Workshop 1, 10:00 - 12:00, Antonella Ferraris
La riflessione sulla lingua nella lezione d’italiano: quale? come? quando? quanta?
La grammatica è spesso avvertita come un compito gravoso e vissuto con insofferenza e mancanza di motivazione da parte dello studente. Che cosa significa insegnare a riflettere sulla lingua in un corso d’italiano come lingua straniera oggi? Quali strutture grammaticali, con quali metodologie e in quale momento del processo di apprendimento è necessario trattare, anche nell’ottica del Quadro di riferimento europeo delle lingue? Quali competenze d’uso della lingua sono necessarie allo studente nei vari stadi dell’apprendimento in un approccio di tipo comunicativo? Sulla base di esempi di unità didattiche del manuale Con piacere nuovo A1, analizzeremo in questo Workshop come in un approccio della grammatica a spirale le competenze comunicative siano raggiungibili in modo pratico e senza "sovraccarichi grammaticali" demotivanti.
Workshop 2, 12:15 - 13:15, Marilisa Birello
A lezione con i task. Didattica e approccio orientato all’azione.
In questo workshop vedremo come si costruisce una unità didattica seguendo i principi dell’approccio orientato all’azione. A partire da un task prestabilito, analizzeremo, sceglieremo e organizzeremo i contenuti linguistici che permetteranno allo studente di essere in grado di eseguire il compito. Vedremo la sequenza delle attività nelle varie fasi dell’unità didattica, gli obiettivi di ogni fase e una possibile distribuzione delle risorse linguistiche. Per concludere, discuteremo in plenum le varie proposte, tratte dal manuale Bravissimo.
Pausa pranzo, 13:15 - 14:00
Workshop 3, 14:00 - 16:00, Marilisa Birello
Ecco, sì! I segnali discorsivi nella didattica basata sul compito.
L’obiettivo del workshop è analizzare come la didattica basata sul compito favorisce l’apprendimento dei segnali discorsivi, risorse linguistiche fondamentali per il corretto funzionamento dell’interazione ma spesso difficili da lavorare in classe in modo naturale e significativo per lo studente. Con esempi estratti dal manuale Al dente vedremo come una proposta didattica che si basa sul compito promuove la riflessione e apre degli spazi interattivi che consentono allo studente di riutilizzare in modo naturale e autonomo i segnali discorsivi.
La casa editrice Ernst Klett Sprachen organizza e sostiene i costi di questo corso di aggiornamento.


https://www.mvhs.de/programm/beruf-karriere/sprachen-unterrichten-3528/460-C-F583030/

Creato da Elena Efimova, Domenica 24 Settembre 2017

Commenti

Effettua il login per lasciare un commento.