Modifica novità Cancella novità

Torna alla pagina precedente

Harlem Lezioni di italiano: un successo. A New York è una delle lingue più richieste nelle scuole superiori

Luogo:
Data: 04.03.2011
Categoria: varie
Autore/Organizzatore: Osservatorio culturale del Cantone Ticino

Descrizione

La lingua italiana è sbarcata di nuovo, e con grande successo, ad Harlem, lo storico quartiere newyorchese nero ed ispanico, in passato una delle culle dell’immigrazione italiana a New York. Lo testimonia la lezione tenuta ieri in una scuola del quartiere da Lidia Bastianich, autrice di bestseller e star di Tv show, oltre ad essere titolare di una catena di ristoranti e cofondatrice del ristorante-emporio «Eataly».
La Bastianich ha incontrato circa 200 bambini che studiano italiano alla Nostra Signora di Lourdes, una delle migliori scuole della Grande Mela, nonostante il quartiere sia uno dei più poveri: ha parlato di cultura e cucina italiana ed ha risposto alle domande che gli studenti le hanno fatto in italiano.
Sono circa 100 le scuole dei tre Stati di New York, Connecticut e New Jersey dove oltre 19 mila studenti seguono corsi di italiano grazie ai finanziamenti e al supporto didattico dello IACE, «Italian American Committee on Education». L’italiano è una delle lingue più richieste dagli studenti delle scuole medie superiori di New York, dopo il cinese ma prima del francese, secondo le ultime statistiche dell’American Council on the Teaching of Foreign Languages (ACTFL).
Per iniziativa del Governo italiano e con il contributo delle organizzazioni italo-americane e di imprese private italiane, a novembre era stato firmato l’accordo per riportare l’italiano tra le materie che prevedono crediti formativi universitari. Nella campagna per la diffusione della lingua, l’ambasciata italiana a Washington ha creato un Osservatorio composto da esperti del settore il cui obiettivo è di far aumentare il numero di docenti e di studenti dei corsi di lingua e cultura italiana in tutti gli Stati americani.

Corriere del Ticino

Creato da Marco Imperadore il 04.03.2011.

Impressum | Sitemap